L'annosa vicenda della copertura del Palasport di Foligno sta per giungere a conclusione poiché i lavori stanno volgendo al termine. A darne l'annuncio in questi giorni in Commissione Controllo e Garanzia presieduta dal Consigliere di minoranza Giampiero Panfili (Pdl) è stato l'assessore provinciale all'Edilizia Scolastica Piero Mignini. A chiedere lo stato dell'arte della situazione è stato il consigliere Paola De Bonis (Pdl) che ha seguito la vicenda da vicino e nel suo intervento ha ricordato come il vicesindaco di Foligno in una conferenza stampa dello scorso mese di marzo aveva annunciato che i lavori sarebbero terminati entro tre mesi, "cosa che non è ancora avvenuta". Inoltre, nel suo intervento, il consigliere ha ripercorso la condizione degli altri impianti del folignate come per esempio "il degrado" in cui versa la pista di atletica da alcuni anni, mentre per la piscina
"il gestore ha intenzione di restituire le chiavi in quanto non rientra con le spese con rischio del posto di lavoro per 11 persone."
Sulla problematica degli impianti sportivi di Foligno Panfili ha lamentato la
"scarsa collaborazione con il Comune che dovrebbe essere più solerte."
Ma ritornando al Palasport, Mignini ha ammesso che
"un ritardo iniziale da parte della Provincia ci sia stato, ma ad oggi l'Ente ha stanziato 100 mila euro (i rimanenti 100 mila euro sono in capo al Comune di Foligno), di cui 43 mila sono già stati liquidati al termine del primo stato di avanzamento e 43 mila sono pronti, ma stiamo attendendo che il Comune (al quale spetta la stazione appaltante) presenti il secondo stato di avanzamento. La Provincia – ha continuato l'assessore – parte dal presupposto di soddisfare le esigenze dell'edilizia scolastica e a tal proposito abbiamo verificato le palestre in cui le scuole esercitano la didattica trovando delle rassicurazioni. Tornando a Foligno, per il Palasport il Comune ha garantito che nel passaggio tra la gestione attuale e la futura che dovrà avvenire a breve sarà il Comune stesso a gestirlo."
Ma la commissione è stata anche l'occasione per aprire un confronto sulla situazione delle palestre di proprietà della Provincia, 47 in totale, e Mignini ha annunciato che si sperimenterà un modo nuovo di gestirle partendo da Perugia. É proprio in questo territori che a fine anno scadrà la convenzione con il Comune di Perugia che gestiva le palestre e non ha intenzione di rinnovarla. Ecco, allora, che la Provincia ha davanti a sé due alternative. O gestirle in proprio oppure affidarle alle associazioni.
"L'amministrazione provinciale perseguirà questa seconda soluzione stimolando la creazione di consorzi tra associazioni sportive per la gestione. In questo modo – ha concluso l'assessore – la Provincia abbatterà i costi per 150/160 mila euro."
Su questa soluzione anche la Commissione si è detta d'accordo, ma Piero Sorcini (Pdl) ha chiesto un coinvolgimento della stessa in fase di stipula della convenzione. Coinvolgimento accolto pienamente dall'assessore.
"Per il consorzio – ha detto Edoardo Alunni (Pdl) – devono essere scelte società non-prfit perché il punto dolente dell'operazione potrebbe essere la forza che acquisiscono le società in modo da invadere gli spazi scolastici."
Ai lavori era presente anche l'assessore allo Sport Roberto Bertini, il quale ha chiesto di vigilare affinché
"non vi sia un utilizzo improprio delle nostre palestre."

L'assessore ritiene importante che questi palazzetti spalmati in tutto il territorio vengano utilizzati qualche giorno per ospitare eventi della Provincia stessa

Oi10709.RB
Provincia di Perugia Domenica 5 Dicembre 2010

0 commenti

Posta un commento

Cerca su Foligno Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

Altre News su Foligno

Offerte di lavoro a Foligno e dintorni

News dalla Provincia di Perugia